Della rappresentazione e del suo doppio