Gli intellettuali comunisti di fronte alla crisi