La retorica filosofica di Michelstaedter e la sua autodistruzione