"Lo sisè seny, lo qual apel.lam affatus". Suggerimenti lulliani per l’attualità della filologia