I predatori del contesto perduto: gli archeologi e l'invisibile