The research BO2ND: BOlogna-BOgotá collaborative projects. New forms of dissemination of knowledge, aims at the knowledge of the places, with a strategy that can be part of a wider process linked to the transformation of places and can become the tool to bring attention to issues concerning the structure of the contemporary city and can activate relationships that can connect places and people. Case studies of Bologna and Bogotá, apparently distant from each other, both in geographical terms with more than nine thousand kilometers of distance, and in terms of size, considering less than four hundred thousand inhabitants for Bologna and more than eight million for Bogotá, do not intend to point out the difference between a medieval European city and a South American cosmopolitan metropolis, focusing attention on dated opposition between European cities and South American cities of European origin, rather we want to bring out issues independent of the urban scale or context, linked to the knowledge of places and the fact that cities are made up of parts, fragments and places that can easily be compared.

BO2ND - BOlogna-BOgotá. Nuove forme di diffusione della conoscenza1 non vuole essere un progetto concluso, ma unicamente un punto di partenza. Il progetto si pone come obiettivo la conoscenza dei luoghi, nella convinzione che questa strategia possa essere parte di un processo più ampio legato alla trasformazione dei luoghi stessi, possa diventare lo strumento per portare l’attenzione su questioni riguardanti la struttura della città contemporanea e possa attivare relazioni in grado di collegare luoghi e persone. Il tentativo è di promuovere le attività di ricerca-azione applicate alla città intesa come patrimonio e bene comune. La ricerca vede come principale campo di ricerca-azione il patrimonio culturale inteso non come una statica presenza nella città, ma come miglior risultato, in costante aggiornamento, delle azioni di trasformazione della città. Il modello culturale si basa su un continuo sforzo di riconoscimento della città e delle sue trasformazioni come patrimonio e bene comune affiancando, in un flusso senza soluzione di continuità, la conservazione e l’innovazione e coinvolgendo permanentemente non solo gli specialisti del patrimonio, ma anche tutti gli attori locali che nella trasformazione urbana sono coinvolti, con diversi gradi di responsabilità e consapevolezza, sia attivamente sia passivamente. Adeguando la filosofia della circolarità all’economia, non solo finanziaria ma sociale, del bene città, ci si pone come obiettivo la definizione dei principi di risparmio e di miglior utilizzo delle risorse patrimoniali e umane esistenti.

BO2ND - PROGETTI COLLABORATIVI BOLOGNA-BOGOTÁ. NUOVE FORME DI DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA BO2ND - COLLABORATIVE PROJECTS BOLOGNA-BOGOTÁ. NEW FORMS OF KNOWLEDGE DISSEMINATION

Annalisa Trentin
Writing – Original Draft Preparation
;
2019

Abstract

BO2ND - BOlogna-BOgotá. Nuove forme di diffusione della conoscenza1 non vuole essere un progetto concluso, ma unicamente un punto di partenza. Il progetto si pone come obiettivo la conoscenza dei luoghi, nella convinzione che questa strategia possa essere parte di un processo più ampio legato alla trasformazione dei luoghi stessi, possa diventare lo strumento per portare l’attenzione su questioni riguardanti la struttura della città contemporanea e possa attivare relazioni in grado di collegare luoghi e persone. Il tentativo è di promuovere le attività di ricerca-azione applicate alla città intesa come patrimonio e bene comune. La ricerca vede come principale campo di ricerca-azione il patrimonio culturale inteso non come una statica presenza nella città, ma come miglior risultato, in costante aggiornamento, delle azioni di trasformazione della città. Il modello culturale si basa su un continuo sforzo di riconoscimento della città e delle sue trasformazioni come patrimonio e bene comune affiancando, in un flusso senza soluzione di continuità, la conservazione e l’innovazione e coinvolgendo permanentemente non solo gli specialisti del patrimonio, ma anche tutti gli attori locali che nella trasformazione urbana sono coinvolti, con diversi gradi di responsabilità e consapevolezza, sia attivamente sia passivamente. Adeguando la filosofia della circolarità all’economia, non solo finanziaria ma sociale, del bene città, ci si pone come obiettivo la definizione dei principi di risparmio e di miglior utilizzo delle risorse patrimoniali e umane esistenti.
Bologna - Bogotá. Ricerca e azione per lo spazio pubblico / Research and action for public space
15
25
Annalisa Trentin; Nancy Rozo Montaña
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/729102
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact