Ubaldo Gandolfi, Ercole e l'idra di Lerna