L'uso del lessico dell'ordine da parte di Antonio Gramsci nei diversi periodi della sua produzione (articoli giornalistici degli anni '10, costruzione del socialismo sovietico negli anni '20, studio in carcere negli anni '30) rivela una riflessione di lunga durata che pone al centro la resistenza delle strutture sociali e politiche. Attraverso la lente del concetto di "ordine" è quindi possibile leggere la traiettoria gramsciana come costante interrogazione sulle forme dell'ordine vecchio e di quello nuovo, così come sul passaggio dall'uno all'altro nel contesto di una politica di massa.

Antonio Gramsci e il “problema dell’ordine”

Michele FIlippini
2020

Abstract

L'uso del lessico dell'ordine da parte di Antonio Gramsci nei diversi periodi della sua produzione (articoli giornalistici degli anni '10, costruzione del socialismo sovietico negli anni '20, studio in carcere negli anni '30) rivela una riflessione di lunga durata che pone al centro la resistenza delle strutture sociali e politiche. Attraverso la lente del concetto di "ordine" è quindi possibile leggere la traiettoria gramsciana come costante interrogazione sulle forme dell'ordine vecchio e di quello nuovo, così come sul passaggio dall'uno all'altro nel contesto di una politica di massa.
Strategie dell’ordine: categorie, fratture, soggetti. Quaderni di Scienza & Politica
121
136
Michele FIlippini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/726128
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact