L“Italiana” vista da un francese attraverso i veneziani