Sull’idea di “mercato” nell’esperienza costituzionale italiana e spagnola. Un quesito di natura teoretica