Non possiamo sapere se i riusi di proverbi classici da parte di Costantino Manasse fossero fini e funzionali, ma si deve constatare che comunque non si tratta di riprese e allusioni passive: egli ridesta espressioni ormai assopite ricamando su di esse con dotte volute, rinunciando alla lapidarietà per dar vita ad analitiche quanto personali rielaborazioni. Si può inoltre dedurre che adottasse spostamenti semantici, ma questi, come nel caso del precetto del silenzio impartito non a una donna ma a un giovane e del fatto che chi nutre una serpe in seno è uno che tratta familiarmente un estraneo, dovevano essere di lieve entità, facilmente inseribili nell’alveo della tradizione.

Sul riuso di topoi proverbiali in Costantino Manasse

R. Tosi
2019

Abstract

Non possiamo sapere se i riusi di proverbi classici da parte di Costantino Manasse fossero fini e funzionali, ma si deve constatare che comunque non si tratta di riprese e allusioni passive: egli ridesta espressioni ormai assopite ricamando su di esse con dotte volute, rinunciando alla lapidarietà per dar vita ad analitiche quanto personali rielaborazioni. Si può inoltre dedurre che adottasse spostamenti semantici, ma questi, come nel caso del precetto del silenzio impartito non a una donna ma a un giovane e del fatto che chi nutre una serpe in seno è uno che tratta familiarmente un estraneo, dovevano essere di lieve entità, facilmente inseribili nell’alveo della tradizione.
Dialoghi con Bisanzio. Spazi di discussione, percorsi di ricerca
1071
1081
R. Tosi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/713767
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact