Sul riuso di topoi proverbiali in Costantino Manasse