L’Architettura Tecnica è una delle discipline madri nella formazione dell’ingegnere civile italiano, a partire dalla fondazione delle Regie Scuole di Applicazione per gli Ingegneri. La centralità assunta da questa disciplina negli statuti didattici che ne regolano l’insegnamento nel corso del Novecento è conseguente all’essere cerniera tra due mondi, quello dell’ideazione e quello della fattibilità costruttiva, esplorando i confini che connettono le finalità estetiche del progetto di architettura ai quadri esigenziali stabiliti dalle norme. Un orizzonte del sapere indotto a confrontarsi costantemente con l’evoluzione dei modi di costruire, recependo gli avanzamenti offerti dalla natura processuale della tecnica. Con il graduale passaggio che conduce dalla dimensione artigianale dell’arte muratoria nelle costruzioni edilizie del primo Novecento all’impiego dei sistemi industrializzati del secondo Dopoguerra, si sviluppa, anche all’interno dell’Architettura Tecnica, una riflessione dialettica sui contenuti disciplinari. Quanto viene rappresentato in questo volume è parte integrante di questa vicenda, come contributo offerto dalla sede di Bologna nel corso di quasi centocinquant’anni di storia.

La disciplina dell'Architettura Tecnica nella Scuola di Ingegneria di Bologna

Luca Guardigli
2019

Abstract

L’Architettura Tecnica è una delle discipline madri nella formazione dell’ingegnere civile italiano, a partire dalla fondazione delle Regie Scuole di Applicazione per gli Ingegneri. La centralità assunta da questa disciplina negli statuti didattici che ne regolano l’insegnamento nel corso del Novecento è conseguente all’essere cerniera tra due mondi, quello dell’ideazione e quello della fattibilità costruttiva, esplorando i confini che connettono le finalità estetiche del progetto di architettura ai quadri esigenziali stabiliti dalle norme. Un orizzonte del sapere indotto a confrontarsi costantemente con l’evoluzione dei modi di costruire, recependo gli avanzamenti offerti dalla natura processuale della tecnica. Con il graduale passaggio che conduce dalla dimensione artigianale dell’arte muratoria nelle costruzioni edilizie del primo Novecento all’impiego dei sistemi industrializzati del secondo Dopoguerra, si sviluppa, anche all’interno dell’Architettura Tecnica, una riflessione dialettica sui contenuti disciplinari. Quanto viene rappresentato in questo volume è parte integrante di questa vicenda, come contributo offerto dalla sede di Bologna nel corso di quasi centocinquant’anni di storia.
128
978-88-6923-443-9
Luca Guardigli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/712968
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact