Verso una tipologia delle costruzioni plurazionali nelle lingue del mondo