Il cinema di propaganda americano e la controparte italiana: nuovi elementi per una storia visiva del dopoguerra