Il dubbio del (s)oggetto: appunti su viaggio e moderno