Gabriel Albert Aurier e la divinità dell'artista