Giudici di pace, polizia e “cultura giuridica del confine”