A partire dall’impulso di un nucleo storico di associati4, le attività della sede regionale di Antigone sono molto cresciute in questi anni, coinvolgendo militanti più giovani che, con il loro impegno e le loro competenze (nei campi del diritto, della comunicazione e delle scienze sociali), hanno contribuito in maniera essenziale alradicamento sul territorio e alla proliferazione delle iniziative5. Per quanto attiene allo specifico che qui interessa, ovvero alla mappatura delle condizioni di detenzione in Emilia-Romagna, la crescita della sede locale è riscontrabile in due dimensioni. Da alcuni anni gli osservatori e le osservatrici presenti in regione garantiscono che ciascun carcere sia visitato almeno una volta all’anno, assicurando continuità nell’attività di monitoraggio e nello scambio con gli operatori del settore6. Altrettantie militanti dell’associazione si occupano di informazioni sugli istituti provenienti da altre fonti, raccogliendo, archiviando e analizzando contributi giornalistici, comunicati sindacali, rapporti provenienti da altre associazioni e dagli uffici dei garanti (regionale e comunali) e realizzando talvolta colloqui e interviste con testimoni privilegiati all’esterno del carcere. Grazie a loro abbiamo avuto la possibilità di costituire quello che abbiamo chiamato ‘Osservatorio parallelo’, uno strumento complementare che ci consente di integrare i report prodotti a seguito delle visite e di arricchire la nostra base di conoscenza e analisi.

Primo rapporto sulle condizioni di detenzione in Emilia-Romagna

Giulia Fabini
;
Alvise Sbraccia
2019

Abstract

A partire dall’impulso di un nucleo storico di associati4, le attività della sede regionale di Antigone sono molto cresciute in questi anni, coinvolgendo militanti più giovani che, con il loro impegno e le loro competenze (nei campi del diritto, della comunicazione e delle scienze sociali), hanno contribuito in maniera essenziale alradicamento sul territorio e alla proliferazione delle iniziative5. Per quanto attiene allo specifico che qui interessa, ovvero alla mappatura delle condizioni di detenzione in Emilia-Romagna, la crescita della sede locale è riscontrabile in due dimensioni. Da alcuni anni gli osservatori e le osservatrici presenti in regione garantiscono che ciascun carcere sia visitato almeno una volta all’anno, assicurando continuità nell’attività di monitoraggio e nello scambio con gli operatori del settore6. Altrettantie militanti dell’associazione si occupano di informazioni sugli istituti provenienti da altre fonti, raccogliendo, archiviando e analizzando contributi giornalistici, comunicati sindacali, rapporti provenienti da altre associazioni e dagli uffici dei garanti (regionale e comunali) e realizzando talvolta colloqui e interviste con testimoni privilegiati all’esterno del carcere. Grazie a loro abbiamo avuto la possibilità di costituire quello che abbiamo chiamato ‘Osservatorio parallelo’, uno strumento complementare che ci consente di integrare i report prodotti a seguito delle visite e di arricchire la nostra base di conoscenza e analisi.
107
9788898688289
Giulia Fabini; Alvise Sbraccia
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/707032
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact