Qualche riflessione sulla fascinazione esotista nelle scenografie di Antonio Basoli