Attraverso una riconsiderazione e una analitica valutazione dei contributi di Herbert Hunger, uno dei più grandi bizantinisti e studiosi di manoscritti greci del XX secolo, si giunge alla definizione dei principali snodi metodologici che ancora oggi sono posti all'attenzione del paleografo e codicologo greco. La valenza e l'attualità dell'apporto del maestro viennese costituiscono un bagaglio ineludibile per chiunque si accosti alla ricerca sui codici prodotti dalla civiltà bizantina.

Kodikologie und Paläographie

Giuseppe De Gregorio
2019

Abstract

Attraverso una riconsiderazione e una analitica valutazione dei contributi di Herbert Hunger, uno dei più grandi bizantinisti e studiosi di manoscritti greci del XX secolo, si giunge alla definizione dei principali snodi metodologici che ancora oggi sono posti all'attenzione del paleografo e codicologo greco. La valenza e l'attualità dell'apporto del maestro viennese costituiscono un bagaglio ineludibile per chiunque si accosti alla ricerca sui codici prodotti dalla civiltà bizantina.
Herbert Hunger und die Wiener Schule der Byzantinistik: Rückblick und Ausblick
23
65
Giuseppe De Gregorio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/705513
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact