Il lavoro digitale e la tutela collettiva