La rappresentazione della vittima: un insondabile intrigo