Il commento alla presente disposizione è suddiviso in due sezioni. La prima, e più corposa, sezione, che comprende i parr. II – XI, è dedicata al primo comma dell’art. 6, e, dunque, alla presentazione dei rapporti tra l’ordinamento giuridico italiano e quello dell’Unione europea, al fine di illustrare la rilevanza e l’incisività che il diritto UE ha sull’attività delle autorità creditizie, le quali sono, pertanto, tenute a svolgere i compiti ad esse conferiti nel pieno rispetto delle fonti europee e della relativa giurisprudenza del Tribunale e della Corte di giustizia dell’Unione europea. ■ 2 La seconda sezione, trattata ai parr. XII – XV, si occuperà dei commi successivi (2 – 4) dell’art. 6, introducendo il quadro integrato di vigilanza perfezionato dall’Unione europea anche a seguito della crisi finanziaria globale del 2007, nell’ambito del quale le autorità creditizie degli Stati membri sono state coordinate ed inserite in meccanismi europei e raccordate alle istituzioni europee create per instaurare un unico sistema per le banche dell’Unione. Ci si limiterà ad alcuni cenni introduttivi della vigilanza europea, essendo ad esso dedicato l’art. 6 bis TUB.

Commento all’art. 6 del Testo Unico Bancario - Rapporti con il diritto dell'Unione europea e integrazione nel SEVIF e nel MVU

Baroncini Elisa
2019

Abstract

Il commento alla presente disposizione è suddiviso in due sezioni. La prima, e più corposa, sezione, che comprende i parr. II – XI, è dedicata al primo comma dell’art. 6, e, dunque, alla presentazione dei rapporti tra l’ordinamento giuridico italiano e quello dell’Unione europea, al fine di illustrare la rilevanza e l’incisività che il diritto UE ha sull’attività delle autorità creditizie, le quali sono, pertanto, tenute a svolgere i compiti ad esse conferiti nel pieno rispetto delle fonti europee e della relativa giurisprudenza del Tribunale e della Corte di giustizia dell’Unione europea. ■ 2 La seconda sezione, trattata ai parr. XII – XV, si occuperà dei commi successivi (2 – 4) dell’art. 6, introducendo il quadro integrato di vigilanza perfezionato dall’Unione europea anche a seguito della crisi finanziaria globale del 2007, nell’ambito del quale le autorità creditizie degli Stati membri sono state coordinate ed inserite in meccanismi europei e raccordate alle istituzioni europee create per instaurare un unico sistema per le banche dell’Unione. Ci si limiterà ad alcuni cenni introduttivi della vigilanza europea, essendo ad esso dedicato l’art. 6 bis TUB.
Commentario breve al testo unico bancario
44
55
Baroncini Elisa
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/701163
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact