Processo sommario di cognizione: il "rito" e il "modello"