Il contributo connette l'analisi degli elementi sensibili del testo cinematografico con le determinazioni culturali del testo stesso. Nel testo filmico è possibile individuare delle regole pragmatiche (movimenti di macchina, inquadrature e piani, costruzione della scena) che presiedono alla produzione di senso, garantendone la coerenza sia come forma culturale che come forma sensibile. La proposta metodologica si appoggia ad una rilettura della nozione hjelmsleviana di "materia", offrendo poi una breve esemplificazione relativa al tema figurativo della porta nel film "Sentieri selvaggi" di John Ford.

G. Pescatore (2008). Sensazione e azione. La materia del film. TORINO : Kaplan.

Sensazione e azione. La materia del film

PESCATORE, GUGLIELMO
2008

Abstract

Il contributo connette l'analisi degli elementi sensibili del testo cinematografico con le determinazioni culturali del testo stesso. Nel testo filmico è possibile individuare delle regole pragmatiche (movimenti di macchina, inquadrature e piani, costruzione della scena) che presiedono alla produzione di senso, garantendone la coerenza sia come forma culturale che come forma sensibile. La proposta metodologica si appoggia ad una rilettura della nozione hjelmsleviana di "materia", offrendo poi una breve esemplificazione relativa al tema figurativo della porta nel film "Sentieri selvaggi" di John Ford.
2008
Dentrol'analisi. Sogetto, senso, emozioni
92
100
G. Pescatore (2008). Sensazione e azione. La materia del film. TORINO : Kaplan.
G. Pescatore
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/69278
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact