Il fenomeno del disprezzo e della colpevolizzazione dei poveri emerge ormai diffusamente in canzoni, testi letterari, fumetti, forme testuali digitali della contemporaneità (ad esempio i meme), in Italia come nel resto del mondo. C'è chi risponde con ironia a questa ondata di hate speech, ma anche chi cerca di analizzare la questione inquadrandola in un discorso sociale e psicologico, per raccontare storie che illustrino una condizione sociale di isolamento, sostanzialmente schizoide, che non può che generare conflitti. Tra questi è Valerio Evangelisti, a cui è dedicato il focus dell'intervento.

Colpire i poveri per allontanare la povertà

Alberto Sebastiani
2018

Abstract

Il fenomeno del disprezzo e della colpevolizzazione dei poveri emerge ormai diffusamente in canzoni, testi letterari, fumetti, forme testuali digitali della contemporaneità (ad esempio i meme), in Italia come nel resto del mondo. C'è chi risponde con ironia a questa ondata di hate speech, ma anche chi cerca di analizzare la questione inquadrandola in un discorso sociale e psicologico, per raccontare storie che illustrino una condizione sociale di isolamento, sostanzialmente schizoide, che non può che generare conflitti. Tra questi è Valerio Evangelisti, a cui è dedicato il focus dell'intervento.
2018
Zona letteraria. Studi e prove di letteratura sociale. La colpa di essere poveri
75
81
Alberto Sebastiani
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/692512
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact