Prendono il nome di tecniche spettrometriche tutti quei metodi d'analisi che si basano su misurazioni di effetti dovuti all'interazione tra la materia e un'opportuna radiazione elettromagnetica (EM). Fa eccezione a questa definizione la spettrometria di massa (mass spectrometry, MS) che, nonostante il nome, non è una tecnica spettroscopica, in quanto non fa uso di radiazioni elettromagnetiche. L'MS deve il suo nome di "spettrometria" a ragioni storiche, e perciò sarà comunque trattata all'interno di questo capitolo. Per quanto riguarda le analisi quantitative in ambito farmaceutico, le radiazioni di gran lunga più utilizzate sono quelle che corrispondono agli intervalli dell’UV e del visibile (UV-Vis), in quanto si tratta di radiazioni con energia corrispondente a quella di legame covalente, quindi capaci di eccitare elettroni di valenza di molecole organiche e di singoli atomi. Radiazioni IR sono utilizzate soprattutto per scopi qualitativi, in quanto in grado di influenzare le vibrazioni dei legami molecolari covalenti; i raggi X sono utilizzati invece per l’analisi elementare e cristallografica, soprattutto in ambito inorganico.

Capitolo 12. Metodi spettrometrici

Roberto Mandrioli
Membro del Collaboration Group
;
Laura Mercolini
Membro del Collaboration Group
;
Michele Protti
Membro del Collaboration Group
2019

Abstract

Prendono il nome di tecniche spettrometriche tutti quei metodi d'analisi che si basano su misurazioni di effetti dovuti all'interazione tra la materia e un'opportuna radiazione elettromagnetica (EM). Fa eccezione a questa definizione la spettrometria di massa (mass spectrometry, MS) che, nonostante il nome, non è una tecnica spettroscopica, in quanto non fa uso di radiazioni elettromagnetiche. L'MS deve il suo nome di "spettrometria" a ragioni storiche, e perciò sarà comunque trattata all'interno di questo capitolo. Per quanto riguarda le analisi quantitative in ambito farmaceutico, le radiazioni di gran lunga più utilizzate sono quelle che corrispondono agli intervalli dell’UV e del visibile (UV-Vis), in quanto si tratta di radiazioni con energia corrispondente a quella di legame covalente, quindi capaci di eccitare elettroni di valenza di molecole organiche e di singoli atomi. Radiazioni IR sono utilizzate soprattutto per scopi qualitativi, in quanto in grado di influenzare le vibrazioni dei legami molecolari covalenti; i raggi X sono utilizzati invece per l’analisi elementare e cristallografica, soprattutto in ambito inorganico.
Manuale di Analisi Quantitativa dei Medicinali
329
399
Roberto Mandrioli, Laura Mercolini, Michele Protti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/690739
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact