Sapere, potere, verità: il «terzo» Morgenthau