L’oblio della persecuzione e le nuove prospettive della storiografia