Parlare di radicalismo politico in Romagna significa concentrarsi soprattutto sui primi decenni post-unitari, perché è in quel periodo che si delinea compiutamente l’immagine della Romagna quale “regione all’opposizione”. A ben vedere, in quegli anni il tema della violenza si stempera gradualmente in un processo di crescita politica delle élite romagnole. Una crescita che trova compimento nelle declinazioni del municipalismo popolare, sia in chiave repubblicana (Aurelio Saffi), che socialista-libertaria (Andrea Costa).

Il radicalismo delle élite romagnole

Carlo De Maria
2018

Abstract

Parlare di radicalismo politico in Romagna significa concentrarsi soprattutto sui primi decenni post-unitari, perché è in quel periodo che si delinea compiutamente l’immagine della Romagna quale “regione all’opposizione”. A ben vedere, in quegli anni il tema della violenza si stempera gradualmente in un processo di crescita politica delle élite romagnole. Una crescita che trova compimento nelle declinazioni del municipalismo popolare, sia in chiave repubblicana (Aurelio Saffi), che socialista-libertaria (Andrea Costa).
2018
La violenza in Romagna dallo Stato della Chiesa allo Stato unitario
21
27
Carlo De Maria
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/690147
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact