In Amazzonia e altrove, ovvero a cosa serve l’antropologia secondo Viveiros de Castro