Troppo veloce, troppo rumoroso, troppo semplice. La critica e i blockbuster