Nota critica sulla poesia di Giovanna Cristina Vivinetto