Partendo dal testo di Calvino l'autrice prende in esame film del cinema italiano in cui le figure femminili hanno un rapporto privilegiato con lo spazio cittadino. Si analizzano sequenze di registi come M. Antonioni, S. Soldini e M. Martone

Dalle calviniane "Città invisibili" alle città visibili del cinema italiano (1960-2000)

BRAGAGLIA, CRISTINA
2007

Abstract

Partendo dal testo di Calvino l'autrice prende in esame film del cinema italiano in cui le figure femminili hanno un rapporto privilegiato con lo spazio cittadino. Si analizzano sequenze di registi come M. Antonioni, S. Soldini e M. Martone
Paesaggi
23
35
C. Bragaglia
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/68135
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact