Si tratta di un saggio di studio e presentazione del manoscritto Vite dei modenesi illustri, composto a cavallo fra XVI e XVII secolo dal modenese Francesco Forciroli, attivo come auditore del cardinale Alessandro d’Este presso la Curia pontificia. Il manoscritto, conservato in un’importante biblioteca privata, era noto agli storici dell’arte per alcune notizie di prima mano su Nicolò dell’Abate e Antonio Begarelli, ma difficilmente consultabile. Il saggio, che accompagna la trascrizione e pubblicazione della fonte curata da chi scrive, dà conto dello studio del manoscritto, cogliendone in primo luogo le peculiarità materiali, di raccolta di appunti e lavoro in fieri, e individuandone il copista e la provenienza dalla biblioteca del bibliofilo Matteo Pagliaroli, importante intellettuale in contatto con Ludovico Antonio Muratori. Studia poi la posizione dell’autore in rapporto al genere biografico e al suo successo nel secolo XVI, verifica la scelta dei personaggi ci sono dedicati i medaglioni biografici, prestando particolare attenzione alle notizie relative agli artisti.

Le "Vite": fortuna di un genere letterario nella cultura del Cinquecento / S. Cavicchioli. - STAMPA. - (2007), pp. 7-20.

Le "Vite": fortuna di un genere letterario nella cultura del Cinquecento

CAVICCHIOLI, SONIA
2007

Abstract

Si tratta di un saggio di studio e presentazione del manoscritto Vite dei modenesi illustri, composto a cavallo fra XVI e XVII secolo dal modenese Francesco Forciroli, attivo come auditore del cardinale Alessandro d’Este presso la Curia pontificia. Il manoscritto, conservato in un’importante biblioteca privata, era noto agli storici dell’arte per alcune notizie di prima mano su Nicolò dell’Abate e Antonio Begarelli, ma difficilmente consultabile. Il saggio, che accompagna la trascrizione e pubblicazione della fonte curata da chi scrive, dà conto dello studio del manoscritto, cogliendone in primo luogo le peculiarità materiali, di raccolta di appunti e lavoro in fieri, e individuandone il copista e la provenienza dalla biblioteca del bibliofilo Matteo Pagliaroli, importante intellettuale in contatto con Ludovico Antonio Muratori. Studia poi la posizione dell’autore in rapporto al genere biografico e al suo successo nel secolo XVI, verifica la scelta dei personaggi ci sono dedicati i medaglioni biografici, prestando particolare attenzione alle notizie relative agli artisti.
2007
Francesco Forciroli, Vite dei modenesi illustri
7
20
Le "Vite": fortuna di un genere letterario nella cultura del Cinquecento / S. Cavicchioli. - STAMPA. - (2007), pp. 7-20.
S. Cavicchioli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/68018
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact