Bambini soldato: vittime o attori sociali?