Le precipitazioni, soprattutto se brevi e intense, possono produrre un velo idrico sulla piattaforma stradale di non trascurabile entità. Tali condizioni compromettono l’aderenza dei pneumatici creando disagi nonché la riduzione della sicurezza. Infatti i ristagni d’acqua, dovuti alla mancanza di una corretta captazione e di un regolare smaltimento, possono compromettere la visibilità per effetto “spray” e provocare il fenomeno dell’“aquaplaning” che causa la perdita del contatto pneumatici - superficie stradale. Appare pertanto evidente l’importanza di dimensionare correttamente un adeguato sistema di regimazione delle acque di piattaforma che sostituisca le metodologie empiriche abbastanza diffuse e basate unicamente sull’adozione di elementi standard in analogia con progetti già realizzati. In quest’ottica e senza alcuna pretesa di invadere il campo dell’idraulica, e limitandoci quindi alle sole pertinenze stradali, descriveremo gli elementi che compongono un sistema drenante per le acque di superficie. Illustreremo quindi un metodo semplice e funzionale che, tenendo conto del percorso dell’acqua nell’intero sistema idraulico dalla piattaforma stradale fino al recapito, consente il dimensionamento di tutti i componenti del drenaggio. In alcuni casi le spiegazioni potranno apparire fin troppo banali ed alcuni concetti eccessivamente semplificati; la ragione è nel fatto che l’articolo non è rivolto agli esperti di idraulica bensì ai progettisti di strade.

Capitolo 12 – Captazione ed invio a recapito delle acque di pertinenza stradale / G. DONDI; A. SIMONE; M.MARINELLI. - STAMPA. - (2008), pp. 295-314.

Capitolo 12 – Captazione ed invio a recapito delle acque di pertinenza stradale

DONDI, GIULIO;SIMONE, ANDREA;MARINELLI, MARGHERITA
2008

Abstract

Le precipitazioni, soprattutto se brevi e intense, possono produrre un velo idrico sulla piattaforma stradale di non trascurabile entità. Tali condizioni compromettono l’aderenza dei pneumatici creando disagi nonché la riduzione della sicurezza. Infatti i ristagni d’acqua, dovuti alla mancanza di una corretta captazione e di un regolare smaltimento, possono compromettere la visibilità per effetto “spray” e provocare il fenomeno dell’“aquaplaning” che causa la perdita del contatto pneumatici - superficie stradale. Appare pertanto evidente l’importanza di dimensionare correttamente un adeguato sistema di regimazione delle acque di piattaforma che sostituisca le metodologie empiriche abbastanza diffuse e basate unicamente sull’adozione di elementi standard in analogia con progetti già realizzati. In quest’ottica e senza alcuna pretesa di invadere il campo dell’idraulica, e limitandoci quindi alle sole pertinenze stradali, descriveremo gli elementi che compongono un sistema drenante per le acque di superficie. Illustreremo quindi un metodo semplice e funzionale che, tenendo conto del percorso dell’acqua nell’intero sistema idraulico dalla piattaforma stradale fino al recapito, consente il dimensionamento di tutti i componenti del drenaggio. In alcuni casi le spiegazioni potranno apparire fin troppo banali ed alcuni concetti eccessivamente semplificati; la ragione è nel fatto che l’articolo non è rivolto agli esperti di idraulica bensì ai progettisti di strade.
2008
“Progettazione e gestione degli spazi esterni alla carreggiata”
295
314
Capitolo 12 – Captazione ed invio a recapito delle acque di pertinenza stradale / G. DONDI; A. SIMONE; M.MARINELLI. - STAMPA. - (2008), pp. 295-314.
G. DONDI; A. SIMONE; M.MARINELLI
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/66799
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact