In questo saggio vengono messi a confronto due poemi sulla prima guerra mondiale scritti quasi nello stesso periodo da due famosi poeti del Futurismo russo: Vladimir Majakovskij e Velimir Chlebnikov. In "Guerra e Universo" Vladimir Majakovskij mette al centro del suo poema la figura ipostatizzata del poeta. Dopo una serie di apocalittici quadrii di distruzione, il poema si conclude con la visione di un mondo utopico di eterna armonia grazie al sacrificio del poeta che si offre come vittima sacrificale per la salvezza del mondo. La struttura di "La guerra in trappola" di Velimir Chlebnikov è molto frammentaria, egli infatti assembla questo poema con frammenti di poesie scritte durante il conflitto. Ne risulta un complesso mosaico poetico privo di un eroe lirico unificante, tuttavia anche questo poema sfocia in una visione utopica di pace, ristabilita grazie al fatto che la guerra è stata messa in trappola e non può più nuocere al mondo. L'analisi, oltre agli aspetti tematici e strutturali dei due poemi, tiene conto anche di quelli metrici, strofici e rimici, nonché lessicali per la presenza di neologismi ecc.

Dve poemy o vojne: "Vojna i mir" Majakovskogo i "Vojna v myselovke" Chlebnikova [Due poemi sulla guerra: "Guerra e universo" di Majakovskij e "La guerra in trappola" di Chlebnikov]

G. E. Imposti
2018

Abstract

In questo saggio vengono messi a confronto due poemi sulla prima guerra mondiale scritti quasi nello stesso periodo da due famosi poeti del Futurismo russo: Vladimir Majakovskij e Velimir Chlebnikov. In "Guerra e Universo" Vladimir Majakovskij mette al centro del suo poema la figura ipostatizzata del poeta. Dopo una serie di apocalittici quadrii di distruzione, il poema si conclude con la visione di un mondo utopico di eterna armonia grazie al sacrificio del poeta che si offre come vittima sacrificale per la salvezza del mondo. La struttura di "La guerra in trappola" di Velimir Chlebnikov è molto frammentaria, egli infatti assembla questo poema con frammenti di poesie scritte durante il conflitto. Ne risulta un complesso mosaico poetico privo di un eroe lirico unificante, tuttavia anche questo poema sfocia in una visione utopica di pace, ristabilita grazie al fatto che la guerra è stata messa in trappola e non può più nuocere al mondo. L'analisi, oltre agli aspetti tematici e strutturali dei due poemi, tiene conto anche di quelli metrici, strofici e rimici, nonché lessicali per la presenza di neologismi ecc.
Vladimir Majakovskij v mirovom kul'turnom prostranstve [V.M. nello spazio culturale mondiale]
70
86
G.E. Imposti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/663095
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact