L'Alta Formazione tra finanziamento pubblico e quasi-mercato