«Scorci di Lorna» nei versi di Zanzotto