Arene pubbliche di comunicazione: imperativi di visibilità o battaglie di cittadinanza?