In questi ultimi anni, come conseguenza della Riforma Universitaria, sono state molte le facoltà in tutta Italia che all’interno del corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale hanno creato una specializzazione in movimenti migratori, allo scopo di formare una delle nuove professionalità nate dai mutamenti del mercato del lavoro e dalle trasformazioni economiche. In questo ambito, una delle lingue più richieste per i mediatori e quindi più offerte nei corsi di laurea è lo spagnolo, e questo perché sono sempre di più gli immigrati di madrelingua che giungono in Italia. Infatti negli ultimi anni gli immigrati latinoamericani in Italia si sono più che duplicati (alla fine del 2000 erano 114.000 e alla fine del 2006 il numero era di 321.000). Lo scopo di questo contributo è riferire sul programma di un corso per Mediatore Linguistico e Culturale nei fenomeni migratori in lingua spagnola, sulla base di una esperienza didattica realizzata durante tre anni scolastici (dal 2002 al 2005) presso Università per Stranieri di Siena, e durante l’anno scolastico 2006-07 all’interno di un modulo di mediazione linguistica della SSLiMIT (Scuola Superiore di Lingue Moderne, Interpreti e Traduttori) di Forlì. La proposta didattica che ho qui sposto potrebbe essere utile agli insegnanti di futuri mediatori con immigrati di madrelingua spagnola e italiana in Italia.

Mediatore linguistico e culturale nei fenomeni migratori. Il caso della lingua spagnola in Italia

PEREZ VAZQUEZ, MARIA ENRIQUETA
2007

Abstract

In questi ultimi anni, come conseguenza della Riforma Universitaria, sono state molte le facoltà in tutta Italia che all’interno del corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale hanno creato una specializzazione in movimenti migratori, allo scopo di formare una delle nuove professionalità nate dai mutamenti del mercato del lavoro e dalle trasformazioni economiche. In questo ambito, una delle lingue più richieste per i mediatori e quindi più offerte nei corsi di laurea è lo spagnolo, e questo perché sono sempre di più gli immigrati di madrelingua che giungono in Italia. Infatti negli ultimi anni gli immigrati latinoamericani in Italia si sono più che duplicati (alla fine del 2000 erano 114.000 e alla fine del 2006 il numero era di 321.000). Lo scopo di questo contributo è riferire sul programma di un corso per Mediatore Linguistico e Culturale nei fenomeni migratori in lingua spagnola, sulla base di una esperienza didattica realizzata durante tre anni scolastici (dal 2002 al 2005) presso Università per Stranieri di Siena, e durante l’anno scolastico 2006-07 all’interno di un modulo di mediazione linguistica della SSLiMIT (Scuola Superiore di Lingue Moderne, Interpreti e Traduttori) di Forlì. La proposta didattica che ho qui sposto potrebbe essere utile agli insegnanti di futuri mediatori con immigrati di madrelingua spagnola e italiana in Italia.
Cultura e tecniche della mediazione
127
136
M.E. Perez Vazquez
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/64444
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact