Nell’ambito di un’intensa attivita’ sperimentale iniziata negli anni 90, e’ stato progettato e realizzato il primo prototipo di una macchina a tecnologia Plasma Focus ottimizzata per la produzione di 18F per applicazioni PET. La macchina, un Plasma Focus di tipo Mather, utilizza l’energia, 150 kJ, immagazzinata in un banco di 32 condensatori controllati nel processo di scarica sincronizzato da spark gap a distorsione di campo, in grado di garantire una frequenza di ripetitività di un Hz, cosi’ da permettere una produzione di quantità dell’ordine del Ci di radioisotopo in due ore di funzionamento. La scelta dei gas di riempimento della camera consente di ottenere il 18F dalla reazione nucleare 16O(3He,p)18F, che avviene nel pinch (“Focus”) durante la fase di massimo confinamento del plasma, quindi senza generazione di neutroni. Nella presentazione verranno descritti gli aspetti di controllo, di processo e di impianto peculiari di questo nuovo dispositivo ed i risultati delle prime prove di produzione.

PRODUZIONE DI ISOTOPI A BREVE EMIVITA MEDIANTE UN SISTEMA AL PLASMA

SUMINI, MARCO;MOSTACCI, DOMIZIANO;ROCCHI, FEDERICO;MANNUCCI, SIMONE;
2007

Abstract

Nell’ambito di un’intensa attivita’ sperimentale iniziata negli anni 90, e’ stato progettato e realizzato il primo prototipo di una macchina a tecnologia Plasma Focus ottimizzata per la produzione di 18F per applicazioni PET. La macchina, un Plasma Focus di tipo Mather, utilizza l’energia, 150 kJ, immagazzinata in un banco di 32 condensatori controllati nel processo di scarica sincronizzato da spark gap a distorsione di campo, in grado di garantire una frequenza di ripetitività di un Hz, cosi’ da permettere una produzione di quantità dell’ordine del Ci di radioisotopo in due ore di funzionamento. La scelta dei gas di riempimento della camera consente di ottenere il 18F dalla reazione nucleare 16O(3He,p)18F, che avviene nel pinch (“Focus”) durante la fase di massimo confinamento del plasma, quindi senza generazione di neutroni. Nella presentazione verranno descritti gli aspetti di controllo, di processo e di impianto peculiari di questo nuovo dispositivo ed i risultati delle prime prove di produzione.
Atti V Congresso Nazionale AIFM
1
4
M.Sumini; D. Mostacci; F. Rocchi; S. Mannucci; A. Tartari; E. Angeli; A. Duatti; U. Coli; D. Galaverni; B. Ascione; G. Cucchi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/63241
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact