L’irresistibile ascesa dei modelli computazionali