Saggio del catalogo dedicato al rapporto dell'imperatore Qing Qianlong (1711-1799) con il buddhismo alla luce dei più recenti studi sull'argomento e della produzione artistica fiorita in quel periodo. In particolare, si esamina il carattere innovativo e programmatico di alcuni dipinti in cui l'imperatore appare nelle vesti del bodhisattva Manjusri. Redazione delle schede del catalogo, dalla n. 130 alla n. 141.1-2, relative alle 13 opere esposte, di varia natura e funzione, ma tutte inerenti al contesto buddhista e risalenti alle epoche Ming e Qing.

Nel segno di Manjusri

CELLI, NICOLETTA
2007

Abstract

Saggio del catalogo dedicato al rapporto dell'imperatore Qing Qianlong (1711-1799) con il buddhismo alla luce dei più recenti studi sull'argomento e della produzione artistica fiorita in quel periodo. In particolare, si esamina il carattere innovativo e programmatico di alcuni dipinti in cui l'imperatore appare nelle vesti del bodhisattva Manjusri. Redazione delle schede del catalogo, dalla n. 130 alla n. 141.1-2, relative alle 13 opere esposte, di varia natura e funzione, ma tutte inerenti al contesto buddhista e risalenti alle epoche Ming e Qing.
Capolavori dalla Città Proibita. Qianlong e la sua corte
195
211
N. Celli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/62884
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact