Sul Tristan di Béroul e l’arte di pubblicare i testi trasmessi da un solo manoscritto