Oggi l’estetica sembra spinta a riconsiderare la propria agenda. Infatti, smarrita la possibilità di circoscrivere l’arte in quanto tale, l’estetica difficilmente può continuare a ritenersi una filosofia dell’arte se vuole possedere una qualche capacità di impatto sulla realtà attuale. Al tempo stesso, l’espansione attuale dell’estetico pone interrogativi stringenti sulla logica che vi è sottesa e sulle forme che può assumere, e a questi interrogativi un sapere specificamente costruito su di esso non può certo sottrarsi. In questo saggio viene conseguentemente affrontato lo statuto che oggi emerge sia delle “categorie dell’estetica” sia delle “categorie dell’estetico”. Nel primo caso si tratta di concetti e problemi salienti elaborati dall’estetica intesa ancora prevalentemente come filosofia dell’arte, di cui occorre evidenziare i motivi di crisi interna che sono deflagrati con le profonde trasformazioni subite dall’esteticità nel corso del Novecento. Nel secondo caso, invece, si tratta di alcune delle questioni più rilevanti che sembrano utili per analizzare, al di là dell’arte, l’estetico anche nella sua diffusione attuale, dando conto delle loro rivoluzioni intervenute sempre a seguito del medesimo movimento di radicale trasformazione dell’artisticità. Emerge in tal modo tanto il carattere operativo delle categorie dell’estetica, quanto il carattere dinamico delle categorie dell’estetico.

L’estetica contemporanea tra teoria e pratiche

Matteucci, Giovanni
2018

Abstract

Oggi l’estetica sembra spinta a riconsiderare la propria agenda. Infatti, smarrita la possibilità di circoscrivere l’arte in quanto tale, l’estetica difficilmente può continuare a ritenersi una filosofia dell’arte se vuole possedere una qualche capacità di impatto sulla realtà attuale. Al tempo stesso, l’espansione attuale dell’estetico pone interrogativi stringenti sulla logica che vi è sottesa e sulle forme che può assumere, e a questi interrogativi un sapere specificamente costruito su di esso non può certo sottrarsi. In questo saggio viene conseguentemente affrontato lo statuto che oggi emerge sia delle “categorie dell’estetica” sia delle “categorie dell’estetico”. Nel primo caso si tratta di concetti e problemi salienti elaborati dall’estetica intesa ancora prevalentemente come filosofia dell’arte, di cui occorre evidenziare i motivi di crisi interna che sono deflagrati con le profonde trasformazioni subite dall’esteticità nel corso del Novecento. Nel secondo caso, invece, si tratta di alcune delle questioni più rilevanti che sembrano utili per analizzare, al di là dell’arte, l’estetico anche nella sua diffusione attuale, dando conto delle loro rivoluzioni intervenute sempre a seguito del medesimo movimento di radicale trasformazione dell’artisticità. Emerge in tal modo tanto il carattere operativo delle categorie dell’estetica, quanto il carattere dinamico delle categorie dell’estetico.
Elementi per un’estetica del contemporaneo
5
22
Matteucci, Giovanni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/622069
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact