CONSTANT MALVA, LA MINIERA E L'ESTETICA DELLA VERITÀ