La problematica della disabilità, centrale nella riflessione pedagogica speciale per l’inclusione, trova nel laboratorio, anche per il numero limitato dei partecipanti, un luogo deputato per l’emersione di pregiudizi, timori, incertezze... Le attività svolte si pongono come punto di riferimento per comprendere le istanze pedagogiche, etiche e civili insite nella relazione con la diversità. I riferimenti teorici condivisi dai conduttori dei laboratori, strettamente connessi al corso di insegnamento, si possono ricondurre principalmente alla pedagogia istituzionale (Vasquez, Oury, 1975), alla pedagogia speciale intesa come pedagogia dell’organizzazione complessa (Canevaro, 1999), alla pedagogia attiva (Freinet, 1966), all’approccio sistemico relazionale (Bertalanffy, 1968), alla ricerca/azione (Pourtois, 1986), collocando al centro il valore dell’incontro con l’altro, soprattutto quando sembra difficile ogni riconoscimento di similarità. La finalità di base è volta a contribuire alla formazione di un docente inclusivo; un docente che assume e declina il paradigma dell’integrazione/inclusione nella quotidianità del pensare e del fare educativo, facendo propri i principi/valori individuati nel profilo europeo. Si riportano esemplificazioni di attività di italiano, matematica, educazione estetica volte ad evidenziare come individuare il punto di contatto tra la proposta formativa specifica per un bambino con disabilità e quella offerta ai compagni di classi di scuola primaria .Si riflette inoltre sui risultati, percentualmente positivi, di una ricerca effettuata su 400 valutazioni fornite dagli studenti rispetto ai laboratori frequentati nell’arco degli anni accademici dal 2012-13 al 2015-16.

I laboratori di Pedagogia Speciale per l’inclusione

SANDRI, PATRIZIA
2017

Abstract

La problematica della disabilità, centrale nella riflessione pedagogica speciale per l’inclusione, trova nel laboratorio, anche per il numero limitato dei partecipanti, un luogo deputato per l’emersione di pregiudizi, timori, incertezze... Le attività svolte si pongono come punto di riferimento per comprendere le istanze pedagogiche, etiche e civili insite nella relazione con la diversità. I riferimenti teorici condivisi dai conduttori dei laboratori, strettamente connessi al corso di insegnamento, si possono ricondurre principalmente alla pedagogia istituzionale (Vasquez, Oury, 1975), alla pedagogia speciale intesa come pedagogia dell’organizzazione complessa (Canevaro, 1999), alla pedagogia attiva (Freinet, 1966), all’approccio sistemico relazionale (Bertalanffy, 1968), alla ricerca/azione (Pourtois, 1986), collocando al centro il valore dell’incontro con l’altro, soprattutto quando sembra difficile ogni riconoscimento di similarità. La finalità di base è volta a contribuire alla formazione di un docente inclusivo; un docente che assume e declina il paradigma dell’integrazione/inclusione nella quotidianità del pensare e del fare educativo, facendo propri i principi/valori individuati nel profilo europeo. Si riportano esemplificazioni di attività di italiano, matematica, educazione estetica volte ad evidenziare come individuare il punto di contatto tra la proposta formativa specifica per un bambino con disabilità e quella offerta ai compagni di classi di scuola primaria .Si riflette inoltre sui risultati, percentualmente positivi, di una ricerca effettuata su 400 valutazioni fornite dagli studenti rispetto ai laboratori frequentati nell’arco degli anni accademici dal 2012-13 al 2015-16.
Oltre il fare. I laboratori nella formazione degli insegnanti
1
10
Patrizia, Sandri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/614087
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact