Un protocollo di intervento per i beni culturali religiosi a rischio